LeoVegas, nel quarto trimestre 2021 ricavi a 98,2 milioni

leovegas

Nel quarto trimestre 2021 i ricavi di LeoVegas sono stati pari a 98,2 milioni di euro, invariati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ma escludendo Germania e Paesi Bassi, sono aumentati del 26%. L’EBITDA è stato di 11,6 milioni di euro. Il numero dei clienti al 31 dicembre 2021 è di 456.063 unità. L’utile per azione rettificato è stato di 0,07 euro. Nel trimestre di riferimento LeoVegas ha riacquistato azioni per 2,1 milioni di euro e ha distribuito il dividendo del terzo trimestre (3,9 milioni di euro). A seguito delle modifiche alle politiche nei Paesi Bassi, LeoVegas ha deciso di interrompere la fornitura dei propri servizi nel Paese a partire dal 30 settembre 2021. Pertanto, la società non ha registrato ricavi dai Paesi Bassi nel quarto trimestre (rispetto al 6% dei ricavi totali del Gruppo durante il terzo trimestre 2021). La società richiederà una licenza durante il primo trimestre 2022. Nell’ultimo trimestre 2021 si segnala anche che LeoVegas ha ottenuto il rinnovo delle proprie licenze dalla Danish Gambling Authority. I ricavi preliminari di gennaio 2022 sono stati pari a 35,5 milioni di euro, corrispondenti a una crescita del +9%. Escludendo Germania e Paesi Bassi, i ricavi sono aumentati del +24%. Il Consiglio di amministrazione propone un aumento del dividendo del 5 per cento a 1,68 corone svedesi per azione, da distribuire in quattro occasioni nel corso dei prossimi 12 mesi. LeoVegas ha richiesto inoltre una licenza di gioco per la provincia canadese dell’Ontario. “Sono orgoglioso di come abbiamo concluso il 2021 e di come abbiamo compensato la perdita di entrate legata alle modifiche normative in corso in Germania e nei Paesi Bassi”, ha detto il Ceo di LegoVegas, Gustaf Hagman. “Nel quarto trimestre le vendite sono rimaste invariate rispetto all’anno precedente. Tuttavia, escludendo i due mercati menzionati, la crescita è stata di circa il 26%”. “L’EBITDA rettificato è leggermente migliorato anno su anno, nonostante abbiamo smesso di fornire i nostri servizi nei Paesi Bassi in attesa di una licenza di gioco, che in precedenza era uno dei nostri mercati più redditizi. Il miglioramento del profitto è stato ottenuto attraverso un buon controllo dei costi e una maggiore efficienza di marketing”. “Durante il trimestre e l’intero anno 2021, abbiamo compiuto diversi passi importanti come azienda, che prevediamo guideranno la crescita per molti anni a venire. Abbiamo aumentato il nostro focus strategico sullo sport con l’acquisizione del marchio Expekt. Ora stiamo pianificando di espanderci in più mercati. Abbiamo anche iniziato a stabilire operazioni negli Stati Uniti, dove il mercato del gioco online è ancora agli inizi. Stiamo vedendo un potenziale significativo in Nord America, dove deteniamo già una posizione di leadership in Canada. Durante l’anno abbiamo anche investito in nuovi giochi, che dovrebbero essere lanciati a breve: sono previsti oltre 15 titoli per il 2022. I nostri contenuti ci offrono un’esperienza di gioco unica, una maggiore fedeltà dei clienti e costi inferiori”.

“Dimostriamo un’elevata capacità di adattamento e continuiamo a guidare l’innovazione anche di fronte a tempi turbolenti. Un numero crescente di paesi europei sta diventando regolamentato e circa il 74% delle nostre entrate arriva da Paesi in cui è regolamentato e/o tassato. Il contesto del mercato rimarrà turbolento, ma siamo ben posizionati per gestirlo. Forte di tutte le nostre iniziative di crescita in corso, sono ottimista per il 2022. LeoVegas è attualmente il più grande operatore privato nel mercato svedese e continuiamo a vedere prospettive di crescita favorevoli in Svezia”. “All’inizio del 2022 LeoVegas ha compiuto dieci anni. L’azienda, il nostro prodotto e l’intero settore si sono sviluppati enormemente da quando io e il mio co-fondatore, Robin Ramm-Ericson abbiamo fondato LeoVegas. Oggi il settore è molto più complesso, con requisiti più severi e una concorrenza più agguerrita. LeoVegas con tutti i suoi dipendenti continuerà a portare avanti il ​​settore con l’esperienza di gioco mobile al centro del nostro business”, ha concluso Hagman.

Fonte AGIMEG

Articoli correlati